AutoMassaggio a casa fai da te

AutoMassaggio a casa fai da te

AutoMassaggio a casa fai da te 500 325 Accademia Nicotra Estetica

Automassaggio a casa fai da te

Soffrite di cervicale e siete più rigidi e contratti di uno spaventapasseri? No problem!

Provate questo confortante massaggio: infilate due palline da tennis in un calzino o in un collant distanziandole tra loro di circa 5 cm.

Stendetevi a terra su un tappetino, con le gambe flesse e i piedi ben piantati a terra. Sistemate le palline dietro la nuca e sotto la schiena ai lati della spina dorsale. Dondolatevi delicatamente avanti e indietro: le palline, a contrasto con i muscoli para-vertebrali, compieranno in modo egregio il loro lavoro di ”massaggiatrici”, alleviando i dolori dei muscoli contratti

Automassaggio del viso per le rughe e per la pelle

Sdraiatevi su un tappetino proni, a pancia in sù. Mescolate 2 gocce di olio essenziale al geranio rosa (o olio essenziale di finocchio per la pelle matura) con 2 cucchiai di olio di mandorle dolci (o olio di germe di grano se la vostra pelle non è più giovanissima).

Rilassatevi e preparatevi a questa “oasi” di relax tutta per voi. Stendete questa miscela profumata sul viso, precedentemente deterso e tonificato.

Durante il Corso di Massaggio in Accademia nicotra le insegnanti suggeriscono di appoggiare le dita della mano sinistra a contatto con quelle della mano destra, sulla linea centrale della fronte.

Premete delicatamente e fatele scivolare verso le tempie: la pelle della fronte si stirerà regalandovi un grande sollievo (anche dalle preoccupazioni mentalil). Ripetete 3 volte.

Auto Massaggio a casa fai da te

Automassaggio a casa degli occhi

Premete delicatamente, con le quattro dita delle due mani, su entrambe le arcate sopraccigliari ripetendo 3 volte ed eseguite lo stesso massaggio, sempre 3 volte, sul bordo osseo Che si trova sotto gli occhi.

Ora è il momento di un bel “bagno” di energia per gli occhi:

sfregate le mani fra loro per 1 minuto fino a quando non le sentirete calde, appoggiate i palmi delle mani sugli occhi chiusi per una ventina di secondi respirando profondamente e ripetete 3 volte.

Sistemate indice, medio e anulare ai lati del naso: fate scorrere le dita sugli zigomi con una leggera pressione in direzione delle orecchie ripetendo 3 volte.

Sempre con indice, medio e anulare premete qualche secondo nell’avvallamento sotto l’osso zigomatico.

Automassaggio a casa del naso

stringete, tra pollice e indice la radice del naso e scendete lungo le ali del naso con una pressione decisa; ripetete 3 volte.

Ora potete dedicarvi alle labbra: posizionate l’indice della confortante.

Partendo dalla zona posteriore del coll0, avvicinate tra loro indice, medio e anulare di entrambe le mani, in modo Che le estremita delle dita si tocchino; risalite lungo la linea Che corre ai lati delle vertebre cervicali, e poi lungo la linea mediale del capo, imprimendo leggere pressioni, fino ad arrivare alla fronte.

Il relax e servito: ora siete pronte per una serata speciale, belle, luminose e distese.

Automassaggio a casa del Mento

Ora e’ il momento del mento premetelo tenendolo stretto tra pollice e indice, per 10 secondi.

Risalite lungo la mandibola, arrivando fin sotto le orecchie, sempre eseguendo pressioni per 10 secondi.

A questo punto dedicatevi alle orecchie, parti del corpo particolarmente sensibili al massaggio e molto importanti, secondo gli orientali, per la salute ed il benessere del nostro corpo e della nostra psiche.

Massaggiatele per 20 secondi con pollice, indice e medio.

Sfregate le mani tra loro finche’ non saranno calde, quindi appoggiate le mani a conchiglia sulle orecchie per un minuto: sentirete che lentamente si riscalderanno apportandovi una sensazione molto confortante.

AutoMassaggio per la Cellulite

Prima di tutto alcune regole da non dimenticare: ritagliatevi un momento di relax nell’arco della giornata e cercate di trasformare questo massaggio per la cellulite in un rito tutto per voi; per rendere l’atmosfera del vostro personale “centro massaggi” gradevole e rilassante, accendete un incenso e fate risuonare nell’aria una melodia new age con suoni della natura;

inizialmente il massaggio dovrà essere molto molto delicato, con movimenti leggeri e morbidi, lenti e armoniosi, e solo quando si sarà presa confidenza con la tecnica, diventerà piu’energico.

Prima di iniziare sfregate le mani tra loro, scegliendo una crema 0 un olio anticellulite adatto allo scivolamento; iniziate da gambe e fianchi, soffermandovi 15-20 minuti su queste “zone critiche” e poi passate all’addome, al quale dediche- rete 5-10 minuti.

Ricordate di coordinare la respirazione con i movimenti.

Tecniche di automassaggio Cellulite

Lo sfioramento: Eseguite, con i palmi delle mani, leggerissime carezze, facendo scivolare la mano sulla zona interessata, lentamente; Le mani scorrono sulla pelle dandosi alternativamente il cambio.

Ripetete per qualche minuto, stando ben attenti Che il movimento segua la direzione della corrente venosa sulle gambe (dal basso verso l’alto) e Che, sull’addome, sia Circolare. Ricordate di ripetere lo sfioramento anche al termine della seduta, esercitando una pressione decisa ed energica, sempre in direzione del cuore.

La frizione: Si tratta di una manovra piu’ decisa, Che pero’ non differisce molto dalla precedente se non per la sua profondità.

Questa volta i polpastrelli premono sulla pelle in modo da “scollare” la cute dai tessuti sottostanti.

La pressione della manovra consiste in una leggera pressione del palmo, diretta in un’unica direzione, profonda e costante, sulla zona interessata.

Volendo, é possibile trasmettere, con i polpastrelli 0 con il palmo, piacevoli vibrazioni che verranno percepite dai tessuti sottostanti.

La manovra e particolarmente indicata per le cosce e le zone meno sensibili. Un altro massaggio perfetto per riattivare la circolazione nelle gambe consiste nello stringere e pizzicottare la parte interessata (manovra perfetta per i glutei e la zona posteriore della gambe).

Infine, si eseguono delle pressioni con il palmo, profonde e decise.

L’impastamento: Con un movimento a pinza si afferra una consistente zona di pelle sulle cosce 0 sulle natiche e si comprime con un movimento deciso. Mentre le altre quattro dita delle mani rimangono ferme, il pollice imprime una leggera spinta in avanti in modo in modo Che la pelle si “scolli” dal tessuto sottostante e “rotoli” in avanti.

La manovra a “S” :A differenza della manovra di impastamento, la pelle va spinta con una mano in una direzione e con l’altra nella direzione opposta. Potete eseguire questo massaggio, Che deve essere lento ma profondo, sul

La percussione: Picchiettate con le nocche delle mani le zone interessate: i colpi dovranno essere rapidi e seguire un ritmo; in alternativa al pugno, si puo’ ricorrere al taglio della mano.

 

    1
    Ciao
    Come posso aiutarti?
    Powered by