Come aprire un’ attività onicotecnica

Una cosa fondamentale della ricostruzione unghia come di qualsiasi lavoro che richieda una certa manualità e sicurezza, è il fatto di riuscire a fare pratica costantemente. Offrire un servizio di qualità che si occupi non solo del lato estetico ma anche della salute delle unghie, può garantirvi soddisfazione e una numerosa clientela. Ecco, in pochi e semplici passi come aprire un’attività onicotecnica.

attività onicotecnica

Attivita’ di Onicotecnica: Burocrazia

Allo stato attuale, non sussiste ancora un regolamento che dia indicazioni su come svolgere l’attività di onicotecnico, pertanto questo ruolo viene assoggettato alla legge 1/1990, che regolamenta l’attività di estetista.

Mentre la semplice mansione di applicazione di protesi artificiali e decorazione delle stesse non rientra in questa legislazione, quella di ricostruzione delle unghie deve obbligatoriamente sottostare a tale regolamento.

L’ attività  di Onicotecnica, pertanto, deve essere ricondotta a tale normativa, che prevede, per esercitare, un diploma di estetista.

Diventare una libera professionista Onicotecnica

Diventare una libera professionista, cioè emettere una ricevuta con la vostra partita iva e consegnarla al cliente presso casa vostra oppure presso un centro parrucchiere e/o estetico in cui avete fatto una convenzione di prestazione professionale. Si può fare con un “piccolo escamotage”, per cui potete emettere la vostra ricevuta, scaricare costi di acquisto materiale per la ricostruzione unghie, telefonino, auto etc. è chiaro che dovete essere seguiti da un commercialista di fiducia ( come diceva un mio amico commercialista è meglio pagare poche tasse che nulla!!)

Normativa vigente nella tua regione

Una volta acquisito l’attestato, ed aver fatto molta pratica, puoi iniziare ad informarti sulle normative vigenti nella tua città per poter avviare una professione nel settore.

Tieni in considerazione che fra regione e regione esistono molte differenze riguardo la possibilità di aprire centri estetici abilitati al corso di ricostruzione delle unghie; in alcune zone è indispensabile aver conseguito il diploma di estetista (in aggiunta al corso di onicotecnica).

Qualora la tua città non richieda questo vincolo, per aprire il centro ti basterà un qualsiasi diploma di onicotecnica riconosciuto a livello nazionale; in alternativa al diploma puoi cercare una persona con la qualifica di estetista per poter intraprendere un’attività in società, ricoprendo differenti mansioni.

Si può dire che l’attività di Onicotecnica è un lavoro sicuro, o quantomeno molto più sicuro di tanti altri, che comporta un guadagno certo ed una percentuale di “stallo” lavorativo pressoché inesistente.

 

Scopri il programma deCorso Onicotecnica Specializzata del accademia nicotra estetica